STORIA

Benvenuti nell’arena di Las Ventas, considerata la cattedrale della corrida. Il coso più importante del mondo. Colui che dà tutto e porta via tutto. La più grande ricompensa per coloro che riescono a uscire dalla sua Porta Grande e una sfida per quelli che a malapena ci pensano.

L’arena de Las Ventas fu costruita nel 1929 sulla terra chiamata Las Ventas del Espíritu Santo, a cui deve il suo nome. È la più grande arena in Spagna, con un’area totale di 45.800 metri quadrati e una capacità di 23.797 persone. Il suo anello, con un diametro di 60 metri è anche uno dei più grandi al mondo, dopo l’arena di Ronda. Las Ventas è la terza Plaza con più capacità nel mondo dopo la Monumentale del Messico e la Plaza de Toros a Valencia (Venezuela), ed è considerata dai professionisti, dilettanti e critici come la più importante al mondo.

L’Arena de Las Ventas, conosciuta anche come La sedia dei venti, si trova in uno dei terreni più ventosi della città di Madrid, proprio nel quartiere di La Guindalera, nel quartiere centrale di Salamanca.

La sua costruzione risponde all’esigenza di espandere la tauromachia nella città di Madrid a causa del suo boom, e prima dell’impossibilità di realizzarla con la vecchia Plaza de Toros a Madrid, è stato proposto di portarla in un altro luogo. Il suo ideologo era il leggendario matador ‘Joselito’ che sperava che più persone di Madrid lo vedesse nella corrida, propose la costruzione di un nuovo, più imponente, più grande e capace di portare i tori al grande pubblico con biglietti più economici. La sua tragica morte non gli ha permesso di vedere realizzato il suo sogno. La costruzione fu commissionata al famoso architetto José Espeliú nel 1922, che morì anche senza vederlo finito. Il progetto è stato ripreso da un altro eccezionale architetto dell’epoca, Manuel Muñoz Monasterio, uno degli architetti dello stadio Santiago Bernabéu.

La sua costruzione è durata 7 anni. La sua costruzione è di mattone visto su una struttura metallica, con una decorazione basata su piastrelle di ceramica.

Il 17 giugno 1931 si tenne la prima celebrazione all’arena con la celebrazione della corrida di beneficenza. Il manifesto era formato da: Fortuna, Marcial Lalanda, Nicanor Villalta, Fausto Barajas, Luis Fuentes Bejarano, Vicente Barrera, Armillita Chico e Manuel Mejias Bienvenida. Anche se la sua inaugurazione definitiva ebbe luogo il 21 ottobre 1934, a partire da quella data iniziò ad essere usata regolarmente.

Patrimonio storico

L’arena di Las Ventas è stata dichiarata patrimonio artistico artistico nel 1994.

Fiera di San Isidro

Il più grande evento che ospita la Plaza de Toros de Las Ventas è senza dubbio la Fiera di San Isidro, uno degli eventi che l’ha consolidata come la migliore arena del mondo. La Fiera di San Isidro fu creata dall’imprenditore Livino Stuyck nel 1947, quando creò un abbonamento per vedere fino a 5 corse in coincidenza con le feste di San Isidro. Attualmente ci sono fino a 28 corse che si svolgono ogni giorno per tutto il mese di maggio. San Isidro fu il riconoscimento definitivo al Monumental de Las Ventas per il conseguimento del prestigio che attualmente possiede.